Lo Squacquerone di Romagna DOP è il formaggio fresco più conosciuto e amato in Romagna, ma qual è la sua storia?

La storia dello Squacquerone di Romagna DOP non è molto conosciuta ma di certo merita di essere scoperta.

Di questo amato formaggio si è iniziato a parlare nel 1800: è a questo periodo che risalgono infatti le prime tracce in alcuni documenti. In particolare, nella corrispondenza inviata dal cardinale Bellisomi, vescovo di Cesena, al vicario generale della diocesi Casali sempre de cesenate, è possibile leggere di questo prodotto.

Il cardinale infatti nelle sue lettere domanda informazioni in merito a una partita di Squacquerone che arriva dalla Romagna dopo essersi trasferito a Venezia per un conclave.

Nel Vocabolario Romagnolo-Italiano, realizzato da Antonio Mattioli e stampato nel 1879, si parla di questo formaggio. Qui viene definito “squacquerato”, ovvero quasi liquido. Successivamente, nel dizionario del dialetto romagnolo del 1971 di Libero Ercolani, si parla di questo formaggio intendendo lo stracchino della Romagna.