Palazzo Marcosanti Ripa Sogliano al Rubicone
(©museodeldiscodepoca.com)

L’edificio storico, costruito agli anizi dell’800, ospita diversi musei

Il palazzo Marcosanti-Ripa, diventato Palazzo della Cultura in seguito alla ristrutturazione del 2001, risale al secolo XIX. Fu voluto da Antonio Marcosanti, saggio ed onesto amministratore dei beni della Chiesa Riminese specie nel territorio di Santa Paola (Roncofreddo).

Nelle stanze al piano nobile del palazzo si trovano una serie di affreschi che riproducono stoffe damascate, fiori, piante e personaggi mitologici. Di particolare rilievo il paesaggio notturno che riproduce Sogliano prima del 1912, nella sala rossa, e il rosone affrescato nella sala blu. L’edificio oltre al Museo del Disco d’Epoca ospita altre importanti collezioni permanenti: il Museo di Arte Povera, il Museo della Linea Christa, la raccolta Veggiani e il Museo Leonardo Da Vinci e la Romagna.

La pianta poligonale del complesso presenta due ali orientate l’una a nord e l’altra a sud, arretrate di circa tre metri rispetto al blocco centrale che costituisce la residenza dei proprietari. Il fronte su Piazza Garibaldi presenta tracce di intonaco liscio. La muratura fino al primo marca piano è in mattoni misti a pietrame di diversa pezzatura. Per i due restanti piani la muratura è in mattoni. Nel bocco centrale l’ingresso principale all’edificio è un portale a tutto sesto con soglia in pietra e cornice in cotto.