Garganelli all'asparagina
(foto tratta dal libro Le minestre della tradizione romagnola, p.35)

I garganelli all’asparagina sono un primo piano delizioso, perfetto per esaltare alcuni sapori della terra Romagnola.

I garganelli all’asparagina sono una minestra davvero deliziosa che tutti possono cucinare a casa propria. In grado di esaltare sapori della terra Romagnola, questa pasta è semplice e gustosa. Il condimento ha come protagonista l’asparagina, un ingrediente tipicamente romagnolo.

La ricetta dei garganelli all’asparagina che vi suggeriamo è quella proposta a p. 35 dell’edizione del 2010 de Le minestre della tradizione romagnola (libro edito da Edit Romagna).

Ingredienti

  • aglio
  • scalogno
  • grasso di maiale
  • asparagina
  • acqua
  • vino bianco secco
  • sale
  • pepe
  • pomodoro (a piacere)
  • formaggio secco o parmigiano
  • garganelli

Preparazione

«In una casseruola su un letto di grasso di maiale si fa imbiondire aglio, e scalogno finemente tritati. Poi si versano i gambi dell’asparagina tagliati a tronchetti, lasciando da parte le punte.

Si aggiusta di sale e pepe, quindi si versa mezzo bicchiere di vino bianco secco. Si lascia cuocere a fuoco vivace per dieci, quindici minuti, Eventualmente si può aggiungere un po’ d’acqua se si vede che il sugo si restringe celermente.

Talune ricette, specialmente nel territorio di Cervia, prevedono la conserva di pomodoro (50 grammi) che conferisce maggior sapore e un non disprezzabile colorito. Si continua la cottura versando le punte della gustosa pianta a leggero bollo re per altri dieci, quindici minuti, concludendola con alcune foglie di prezzemolo tritate.

Servire con una abbondante passata di formaggio secco o parmigiano.» (Le minestre della tradizione romagnola, Edit Romagna, 2010, p.35)