Mix di pesci per brodetto
Brodetto di Rimini  (foto tratta dal libro Il pesce nelle ricette romagnole, p.65)

Il brodetto di Rimini è una preparazione molto gustosa che tutti possono realizzare: ecco la ricetta da seguire

Il brodetto di Rimini è una ricetta che fa parte di questo territorio e che merita di essere conosciuta nel dettaglio.

Ingredienti

  • mazzolapesce sanpietro
  • rombo
  • coda di rospo
  • palombo
  • triglie
  • pomodori 1,2 kg
  • prezzemolo
  • mezzo bicchiere d’olio
  • aglio
  • pane tostato
  • cipolla media
  • sale
  • pepe
  • aceto

Preparazione

«Pulire accuratamente i pesci, togliere a tutti le teste e lavarli in abbondante acqua. Mondare, lavare e tritare il prezzemolo. Pelare la metà dei pomodori; per farlo senza fatica, immergerli per un attimo in acqua bollente, poi in acqua fredda per raffreddarli e, dopo averli pelati ed aver tolto loro i semi, ridurli a pezzetti. Lavare bene i pomodori non pelati e togliere loro i semi.

Preparare ora il brodo che servirà per bagnare il pane: porre a fuoco, in una casseruola, mezzo bicchiere scarso di olio ed una cipolla tagliata a fettine sottili; far soffriggere per qualche minuto, poi aggiungere i pomodori non pelati a pezzi, rimescolarli e lasciarli cuocere, unire circa la metà del prezzemolo e le teste dei pesci; salare, pepare, spruzzare con qualche cucchiaio d’aceto, poi unire circa due litri di acqua. Incoperchiare il recipiente e lasciar cuocere a fuoco moderato per circa un’ora.

Versare poi il brodo in un altro recipiente facendolo passare da un colino, assaggiarlo ed eventualmente salarlo e tenerlo in caldo.

Mentre il brodo bolle, cuocere i pesci. Porre a fuoco in una padella, larga quanto basti, il rimanente olio e la cipolla tagliata a fettine sottili, rosolarla, e quando si sarà leggermente colorita, unire i pomodori pelati e lasciarli cuocere.

A cottura ultimata unire il rimanente prezzemolo tritato, rimescolare ed accomodare nel recipiente i pesci in un solo strato, badando di mettere prima a cuocere i pesci più duri poi gli altri; salarli, peparli e, appena i pesci cominceranno a rosolarsi, spruzzarli con poco aceto, incoperchiare il recipiente e far cuocere i pesci a fuoco moderato, rigirandoli con delicatezza e badando che non stracuociano; dovranno rimanere piuttosto sodi. A cottura ultimata accomodare i pesci con il loro intingolo su un piatto di portata: disporre in una zuppiera le fette di pane tostato, versarvi sopra il brodo ben caldo e servire contemporaneamente pesci e brodo.» (Il pesce nelle ricette romagnole, Edit Romagna, 2016, pp.64-65)