La copertina de Il Romagnolo n. 236

Da oggi in tutte le edicole della Romagna

Oggi in tutte le edicole della Romagna vi aspetta il n° 236 de Il Romagnolo!

Pronti ad intraprendere un nuovo viaggio nella storia e nella tradizione della nostra amata terra?

Iniziamo tornando al 1921 quando a Ravenna venne organizzato il Concorso Nazionale Pompieristico.

Emilia-Romagna oppure solo Romagna? Addentriamoci nel dibattito.

“Conosceremo” poi Mastro Titta, il boia a Ravenna e le esecuzioni nel 1828 dopo l’attentato al cardinale Rivarola.

Ci incanteremo ammirando i “Castelli di Romagna” nelle pregiate cartoline da collezione per poi spostarci con la lettura nell’Ippodromo Candiano di Ravenna in occasione del centenario dall’inaugurazione.

Terminati i lavori di riqualificazione, perdiamoci un po’ nella lunga storia di Porta Teguriense.

Incrociamo ora lo sguardo di Barbara Longhi: la pittrice ravennate e il volto “nascosto” in un importante quadro.

Ci spostiamo tra il 1813 e il 1815 per ricordare i vari governi nel territorio romagnolo per poi fare un salto nel mondo dello “spettacolo” quando il famoso attore Petrolini si esibì a Rimini.

Un’importante collezione poi ci farà rivivere il passato della città di Rimini per poi addentrarci nel mondo dei sipari dei teatri romagnoli.

Le Accademie letterarie in Romagna possono vantare una storia capillare, che tocca vari centri. Un’antica accademia fu quella dei Cillaridi di Bagnacavallo, scopriamone di più.

È giunta l’ora di emozionarsi grazie all’arte di Eleba Conti, l’artista che seppe tradurre in tratto e colore le sensazioni verso la realtà.

Fame? Questo mese vi proponiamo sapori semplici e genuini, ma ricchi e saporiti: peperoni ed erba cipollina!